copia da Dante Gabriel Rossetti "Incantesimo di mare"

Dante Gabriel Rossetti dipinse quest'opera nel 1877 e la accompagnò con questi versi:
"Sulle corde dell' arpa all'ombra del melo
le dita luminose tessono la dolce melodia,
non appena si diffondono le note misteriose
gli uccelli marini abbandonano il mare per quei rami.
Ma a quale suono lei china l'orecchio in ascolto?
Quali bisbigli ode dall'abisso del mondo sotterraneo?
Da quale sfera del cielo echi rispondono,
nel vento lungo dell'estuario?
Lei si abbandona all'incantesimo, e non appena
muove le labbra e in aria s'innalsa il suo canto,
infinite creature dalle profondità del mare s'affolleranno
sulla scia schiumeggiante richiamate da quei versi arcani :
finchè il fatale marinaio non udrà il suo pianto,
e a quella roccia a petto nudo andrà a morire."

olio su tela, 70x90
dicembre 2008

Nessun commento:

Posta un commento